La gita non è andata male.

FB_IMG_1556439185391.jpg

Una tranquilla gitarella in terra cinese. Questi poveracci non ci battono neanche quando giochicchiamo senza motivazioni e stimoli.

Come ben sappiamo, del resto, una volta finito il tempo dei grotteschi cartoni e dei patetici tavolini guidorossiani e terminato l’ effimero ed artificiale effetto farsopoliano, il copione si ripete, anno dopo anno, in modo assolutamente prevedibile e naturale.

Come e più di prima. Gli intertristi (da qualche stagione inteltlisti) possono solo cadere sempre più nel ridicolo con i loro tragicomici striscioni da perdenti frustrati e guardoni impotenti (ritardatari e/o ritardati che erano usciti dalla Champions a dicembre) mentre noi continuiamo a scrivere la Storia da protagonisti infliggendo loro distacchi siderali.

Non hanno vinto nemmeno in una gara in cui, essendo noi già matematicamente Campioni d’Italia, avremmo forse anche potuto provare a schierare i nostri pulcini o le le nostre riserve della formazione primavera femminile, non hanno vinto. In uno stadio fatiscente e che tiene alcuni settori chiusi a causa di curiose vibrazioni (altro che scemenza ed invenzione sull'”acciaio scadente” dello Stadium) li abbiamo zittiti con una bella rete di quel CR7 che hanno beceramente fischiato e che ha risposto ad un’altra rete inutile dell’ubriacone tamarro.

Detto ciò, mentre loro restano a mani vuote e bile piena, noi continuiamo a godere infinitamente per il nostro epico ottavo Scudetto consecutivo. Fino alla fine.

Sempre più orgogli8samente forza Leggendaria Juventus.

It’s W8nderful.

FB_IMG_1555790361833.jpg

Campioni d’Italia. Campioni d’Italia. Campioni d’Italia. Campioni d’Italia. Campioni d’Italia. Campioni d’Italia. Campioni d’Italia. Campioni d’Italia. Godoooooooo. Abbiamo scritto un’altra incredibile e fantastica pagina di Storia. Che dominio mostruoso ed epocale.

E così, fantascientificamente ed epicamente per l’ottavo anno di fila (“ottavo anno di fila” , mi fa impressione e mi emoziona anche soltanto scriverlo e pronunciarlo), eccoci qui, pronti a rispettare le sane, vecchie e sempre assolutamente goduriose abitudini.

Eccoci pronti (in questa occasione, avendo sensibilmente anticipato i tempi, addirittura alla vigilia di Pasqua e con vestiti non proprio leggeri) a dedicarci fieramente, tra le altre solite bellissime cose, ai consueti e sempre infinitamente orgasmici fuochi d’artificio, caroselli, brindisi, cenoni, acquisti di magliettine celebrative ed adeguamenti dei numeri sul balcone e sulle pareti della sede.

Eccomi pronto, poi, con somma soddisfazione, al cambiamento di sfondo e cover del cellulare, all’ aggiornamento dell’immagine del profilo facebook ed  alla modifica del  mio caro motto. Che goduria sublime. Altro che appagamento. Altro che noia. Io non mi stancherò mai di tutto questo.

Io, come ripeto spesso, non mi stancherò mai di bastonare calcisticamente (a suon di distacchi siderali), nella competizione in cui li affrontiamo direttamente ogni anno, tutti i gufi e guardoni impotenti antijuventini che farebbero carte false pe arrivarci davanti con le loro squadrette e che finiscono invece poi per scontrarsi duramente ed inesorabilmente con l’ineliminabile l’Incubo Bianconero (ripropostosi ancora con più ferocia e continuità una volta finito l’ effetto Farsopoli, vergognosa messinscena con cui si erano illusi di distruggerci ed hanno finito invece per renderci ancora più famelici e spietati). Non mi stancherò mai di umiliare le solite patetiche “volpi alle prese con l’uva” che arrivano addirittura ad autodefinirsi tragicomicamente “nessuno” nel grottesco, strampalato ed inutile tentativo di sminuire quello stesso obiettivo da loro ardentemente sognato ogni anno durante l’estate ed i primi mesi della stagione.

Proprio così. Io, da Juventino cresciuto soffrendo e palpitando intensamente, da circa quattro decenni, anno dopo anno, mese dopo mese, settimana dopo settimana, per ogni partita della mia Squadra, non mi stancherò davvero mai di assaporare questi momenti unici e memorabili (che molti tifosi “sazi” e secondo me superficiali, magari apprezzeranno e si renderanno conto di aver potuto vivere solo più in là nel tempo).

Questo Scudetto, arrivato curiosamente e piacevolmente nella giornata in cui hanno conquistato il loro secondo Tricolore (in due anni di vita calcistica) anche le ragazze della Juventus Woman (a cui vanno i miei complimenti), rappresenta assolutamente un trionfo storico e voglio dedicarlo anche a chi continua a tifare e gioire da Lassù per la sua e nostra amata Juve.

Cari amici, lo Scudetto è rimasto ancora al suo posto. A Casa Juve. È fil…OTTO. È inimitabile Storia . It’s W8nderful. Godiamo sfrenatamente insieme ai tanti bambini Juventini che oggi vedo ovunque (qui al Club, per le strade, inquadrati allo Stadium) gioire. Vi abbraccio tutti. “Siamo noi…siamo noi…”. Fino alla fine.

Sempre più orgogli8samente forza Leggendaria Juventus.

Bravi loro. Adesso, comunque, prepariamoci a gustare l’Ottava Meraviglia.

FB_IMG_1555460838978.jpg

Questa sera abbiamo perso contro una formazione che gioca con un’intensità, un pressing, una tenuta fisica ed una tecnica impressionanti, che aveva massacrato i tre volte consecutivamente Campioni d’Europa del Real Madrid, che avrebbe usato il pallottoliere (o meglio, la calcolatrice) contro qualsiasi squadretta degli antijuventini che, da guardoni impotenti, staranno probabilmente per ora festeggiando malgrado siano fuori da ogni competizione europea da tempo e siano stati da noi, ancora una volta, bastonati e congelati in classifica in Campionato ( competizione in cui ci affrontiamo tutti direttamente ogni anno).

Tra andata e ritorno, non siamo stati fortunati negli episodi arbitrali (nonostante il Var) ed abbiamo risentito di alcune importanti assenze ma è fare i complimenti ai nostri bravissimi avversari. Adesso non facciamo drammi, pensiamo che con una Società forte e solida (che ci fa stare sempre al vertice), con un sempre fortissimo CR7 (che non garantisce la Champions , che ha impiegato diversi anni per vincere la prima nelle sue precedenti squadre e che festeggerà presto il suo primo Scudetto con noi) e con altri Campioni (presenti e futuri) noi (a differenza di altri) potremo continuare a lottare sempre ovunque da protagonisti.

Dimenticavo…io, seppur di certo in questo momento deluso per la sconfitta, a differenza di tanti tifosi occasionali e “da Champions” (come alcune delle tante “facce nuove” di oggi qui al nostro Club) che snobbano il Campionato dimostrando secondo me di essere parecchio superficiali, viziati e manovrabili dalla stampa e dai tifosi antijuventini (che farebbero carte false per non vederci trionfare in Italia e per veder conquistare lo Scudetto ad altri), sono pronto a festeggiare sfrenatamente e goduriosamente il nostro epico ottavo Tricolore di seguito. Sempre fiero della mia grandissima Squadra. Fino alla fine.

Sempre più orgogliosamen7e forza Leggendaria Juventus.

L’abbiamo solo rinviato di poco.

FB_IMG_1555174111492.jpg

E  la prossima volta potremmo pure schierare i pulcini. Lo rinviamo per farvi soffrire ancora di più nella speranza che l’inesorabile matematica possa non arrivare mai (anche se potremmo conquistare l’epico ottavo Scudetto consecutivo pure domani, ancora una volta davanti alla tv).

E poi è giusto che i giocatori lo festeggino insieme (mentre oggi molti grandi protagonisti di questo storico trionfo erano rimasti a Torino). Inoltre qui a Partanna pioviggina. Insomma, va bene così.

Sempre più orgogliosamen7e forza Leggendaria Juventus.

Combattivi, maturi e pronti ad un’altra battaglia.

FB_IMG_1554938752499.jpg

Contro una formazione che gioca con intensità, pressing, corsa e tecnica impressionanti e che aveva massacrato il Real Madrid, abbiamo sfiorato il successo colpendo un palo nel finale con un devastante Douglas Costa (che non cederei mai e che Allegri è stato coraggioso a mettere in campo nel finale insieme a Dybala) e vedendoci, in precedenza, negare anche un possibile rigore.

Temevo tantissimo le assenze dei determinanti Capitan Chiello ed Emre Can ma siamo riusciti a tenere botta grazie anche ad un’ottima prova di Rugani e Bonucci in difesa e Bentancur e Matuidi a centrocampo. Pjanic ha sofferto molto la densità avversaria ma ha comunque disputato una buona gara.

Il solito mostruoso CR7 (Fuoriclasse che fa la differenza) ha segnato un altro gol pesante liberandosi e chiedendo ed ottenendo una preziosa palla da un Cancelo che ha sbagliato, però, tantissimo in altre occasioni. In generale comunque, va bene così. Si sapeva che, contro i terribili lancieri, avremmo dovuto affrontare due battaglie.

E così sarà. Martedì prossimo, magari dopo aver festeggiato l’ottavo epico Scudetto consecutivo, dovremo vivere un’altra serata da Juve. Da Campioni per antonomasia. Fino alla fine.

20190411_010528.jpg

Sempre più orgogliosamen7e forza Leggendaria Juventus.

Kean decisivo anche in allenamento.

FB_IMG_1554587044347.jpg

“Din don…din don… “. Kean…e pensate, a -32 (tradizionale temperatura glaciale), del nostro allenamento, leonardiani rosiconi vari? Anche facendo turnover, subendo l’infortunio del fondamentale Emre Can (che spero non abbia niente di grave), non avendo grandi motivazioni, avendo visto non dare  un rosso a Musacchio e fermare una nostra azione da gol per “fallo di confusione”,   risparmiandoci ed accelerando a sprazzi (quando abbiamo voluto, soprattutto con l’ingresso di un fantastico Pjanic), abbiamo imposto, ancora una volta, la legge del più forte (nel giorno dell’anniversario di un godurioso 1-6 di San Siro del 1997).

Con un gol su rigore della Joya e con un’altra rete pesante del predestinato numero 18 (il micidiale “attaccaporta” oggi spettacolare anche con alcune preziose giocate), abbiamo conquistato altri tre punti pesanti da dedicare a Gianfranco Leoncini (che abbiamo onorato oggi e che ricorderemo per sempre).

E sono “soltanto” 84 punti. L’ ottavo epico Scudetto è ad un passo. Adesso, testa a mercoledì. Da Campioni per antonomasia. Fino alla fine.

FB_IMG_1554582489472

Sempre più orgogliosamen7e forza Leggendaria Juventus.

I frustrati ululano, i Campioni vincono.

FB_IMG_1554246084008

81 punti. Meno 9 alla alla conquista dell”ottavo epico Scudetto consecutivo. Vittoria da grande Squadra ottenuta con personalità ed ottime azioni su un campo difficile e nonostante le numerose assenze.

Anche oggi, con somma soddisfazione,  ho ammirato un Emre Can mostruoso in ogni posizione in cui è stato schierato. Molto positive sono state anche le prestazioni del sempre impeccabile Capitan Chiello, di Bonucci (autore anche di un bel gol) di un generoso ed instancabile Matuidi e di un delizioso Pjanic che ha festeggiato il compleanno con le solite giocate di classe e con la consuete intelligenza, padronanza e sicurezza.

Kean (come prevedeva Allegri), schierato dall’inizio, ha oggi stentato un po’ ma ha saputo sempre attaccare la porta rendendosi più volte pericoloso e timbrando il cartellino da bomber nato con una rete che ha fatto ulteriormente rosicare i frustrati, incivili e beceri tifosi avversari. Salutate, anche questa sera, la storica Capolista. Fino alla fine.

FB_IMG_1554245178936

Sempre più orgogliosamen7e forza Leggendaria Juventus.