Allegramente esaltanti con compattezza ed un Chiesa stellare.

Grande Juve. Con compattezza, organizzazione tattica, spirito di sacrificio, attitidine a lottare su ogni pallone, chiudere gli spazi, raddoppiare le marcature e combattere insieme, abbiamo conquistato una preziosa vittoria contro i detentori della Champions. Il nostro grandissimo Mister Allegri ha preparato la gara in modo perfetto (alla sua maniera) e così il possesso palla dei blues è stato da noi perfettamente neutralizzato, tanto che le occasioni migliori sono state quelle da noi create in modo chirurgico e, in alcuni casi, spettacolare.

La rete capolavoro che ha deciso il match è stata siglata, in modo fantastico, dal migliore in assoluto, il nostro incontenibile Chiesa ben servito dall’oggi encomiabile Bernardeschi. Tutti i nostri giocatori sono stati ammirevoli e meritano un plauso in questa splendida serata in cui ho sentito finalmente anche uno Stadium caldo e partecipe. Una speciale nota di merito, senza nulla togliere a tutti gli altri che meriterebbero di essere qui celebrati per quello che hanno fatto a centrocampo (ad esempio Locatelli) e sulle fasce (come Cuadrado ed Alex Sandro) voglio oggi dedicarla alla monumentale coppia difensiva costituita da Bonucci e De Ligt (nei minuti finali affiancati anche da Capitan Chiello) ed a Szczesny ( attentissimo, sicuro e rassicurante).

Credo che Allegri abbia fatto bene a pungolare e stimolare alcuni suoi uomini che gli e ci stanno adesso dando la giuste risposte con prestazioni all’altezza della situazione tornando a buoni livelli (come il portiere polacco e pian piano anche Bernardeschi) o crescendo ulteriormente (come il Fuoriclasse Chiesa). Adesso, dopo un’altra serata in cui noi abbiamo portato in alto il calcio italiano (come fatto tantissime volte in questi anni in cui altri hanno fatto figuracce come quelle di ieri, attaccando anche arbitri che in passato, nel giubilo generale, avevano penalizzato noi in finali o in occasione grandi imprese sfiorate) cerchiamo di continuare a migliorare ancora. Forza ragazzi. Fino alla fine.

Sempre più orgo9liosamente forza Leggendaria Juventus.

Altro 3-2.

Altra vittoria sofferta ed importante (di nuovo per 3-2). Non possiamo subire tutti questi gol (finora dieci in sei partite) e dovremo quindi migliorare molto in fase difensiva e sul piano della concentrazione soprattutto dopo essere passati in vantaggio. Spero che Dybala (oggi autore di un bel gol prima di infortunarsi) non abbia niente di grave.

Chiesa ha procurato il rigore (poi trasformato con freddezza da Bonucci) ed ha dato vita ad un’altra caparbia azione sui cui sviluppi, su assist di Kulusevski, è arrivata la rete del momentaneo 3-1 di Locatelli . Chiellini è stato fondamentale nella fase finale nella quale abbiamo però abbiamo di nuovo colpevolmente sofferto troppo complicandoci da soli ancora la vita. Come detto, si deve ancora crescere ma per oggi mi prendo volentieri questi altri tre preziosi punti. Forza ragazzi. Fino alla fine.

Sempre più orgo9liosamente forza Leggendaria Juventus.

Vittoria sofferta ed importante nel segno di Chiesa.

Fiuuuuuuuuu. Vittoria soffertissima e spero importante per sbloccarci anche in Campionato. Abbiamo commesso anche oggi troppi errori e mostrato insicurezza e superficialità su certi palloni sanguinosi ma è finalmente andata bene. Pure stasera ci eravamo fatti rimontare e così, dopo il gol di Kean, ci eravamo trovati pericolosamente in svantaggio.

Fortunatamente ci ha pensato Chiesa a tirare fuori gli attributi e lo spirito Juve che tanto ci sta mancando ed a realizzare, con la sua consueta caparbietà e classe, la rete del pareggio che ha dato la necessaria scossa che ha poi portato al gol vittoria di De Ligt. Nel finale di gara, abbiamo di nuovo rischiato la beffa ma Szczesny, dopo quella contro il Milan, ha compiuto altre parate difficili e decisive.

Mi auguro che questi tre punti (conquistati anche grazie ad un provvidenziale salvataggio di Locatelli), oltre a smuovere la classifica, possano darci morale per il prosieguo della stagione (anche se dobbiamo ancora crescere tanto). Fino alla fine.

Sempre più orgo9liosamente forza Leggendaria Juventus.

Dobbiamo crescere.

Peccato. Avremmo potuto (e dovuto chiudere) il primo tempo (iniziato con il pregevole gol di Morata) con un vantaggio più ampio e l’avremmo probabilmente fatto se avessimo sfruttato meglio alcune occasioni e se l’arbitro ci avesse fischiato almeno uno dei rigori che, a parti invertite, sarebbero sicuramente stati concessi e che, mancando a noi, come al solito, non saranno oggetto di dibattiti e polemiche e non verranno presi in considerazione da nessuno.

Anche nella ripresa abbiamo sbagliato alcuni passaggi facili in situazioni molto promettenti e, dopo il pareggio avversario, abbiamo pure rischiato la beffa finale (evitata da una grande parata di Szczesny). Dobbiamo di certo migliorare tanto mentalmente e tecnicamente. La strada è ancora lunga. Forza ragazzi. Fino alla fine.

Sempre più orgo9liosamente forza Leggendaria Juventus.

Punti ed iniezione di fiducia nell’esordio in Champions.

Buona prova e vittoria importante per la classifica nel girone e per il morale. Gol di Alex Sandro, Dybala e Morata ed ottima prestazione, in particolare, di un Cuadrado come sempre prezioso sulla fascia ma anche nel farsi trovare ovunque e dare qualità alla manovra.

C’è ancora da migliorare (anche con avversari più difficili) ma oggi abbiamo potuto apprezzare alcune giocate collettive, una gestione della palla ed una solidità difensiva (finalmente non abbiamo subito reti) che infondono fiducia. Avanti così. Fino alla fine.

Sempre più orgo9liosamente forza Leggendaria Juventus.

Stiamo regalando troppi gol.

Altri punti buttati alle ortiche. Non mi è mai piaciuto cercare capri espiatori ma purtroppo, da diversi mesi (almeno da febbraio), a parte qualche eccezione, stiamo spesso giocando praticamente senza portiere quando c’è (o meglio, dovrebbe esserci), in mezzo ai pali, il polacco (che mi auguro possa svegliarsi o essere sostituito). Il suo ennesimo errore banale sul primo gol e la sua mancata uscita sul secondo (insieme al tentativo di autogol di Kean) hanno permesso agli avversari di rimontare e vanificare un primo tempo in cui, nonostante la tantissime assenze, avevamo dimostrato buona compattezza e solidità.

Probabilmente il gol di Koulibaly avrà la stessa utilità nulla di quello del 2018 (a differenza della sua autorete di due anni fa) ma perdere oggi non fa piacere e non fa muovere la nostra deficitaria classifica. Speriamo presto di risolvere questo problema in porta, ritrovare le pedine mancanti e cominciare ad ingranare ed ottenere vittorie. La stagione è ancora lunga e possiamo risalire la china. Forza ragazzi. Fino alla fine.

Sempre più orgo9liosamente forza Leggendaria Juventus.