Lo sta subito confermando: DV7 è uno di noi.

Trascinati dal nostro fortissimo DV7, autore della sua prima doppietta alla Juve (con due reti splendide, una su assist geniale di Cuadrado e finta spettacolare e spietata freddezza ed una su passaggio filtrante di Morata, controllo bellissimo e tocco sotto delizioso ) e, in generale, protagonista di una partita da leader con preziose sponde da regista offensivo, vitali difese del pallone da leader fino agli ultimi secondi di gioco, significativa esultanza per una punizione conquistata nei decisivi attimi conclusivi, ammirevole voglia di lottare e vincere, abbiamo conquistato un successo sofferto ed importante per 3-2 (l’altra nostra marcatura, quella del vantaggio iniziale era stata realizzata da Kean).

È vero: Ci sono state luci ed ombre. Non mi è piaciuta la leggerezza con cui abbiamo subìto i due gol concesso altre occasioni. Quando manca Chiellini, infatti, perdiamo troppo spesso la nostra impenetrabilità. Davanti, invece, abbiamo dato vita ad alcune belle azioni con fraseggi apprezzabili (con Vlahovic sempre fondamentale punto di riferimento). La cosa che conta è comunque aver conquistato questa pesantissima vittoria (per niente scontato, visto che vincere è sempre difficile contro qualsiasi avversario). Una vittoria da dedicare a Beppe Furino (che speriamo possa stare presto meglio). Adesso, testa a mercoledì. Con il nostro grandissimo bomber molto caldo. Forza ragazzi. Fino alla fine.

Sempre più orgo9liosamente forza Leggendaria Juventus.

Il Predestinato non è bastato. Allo Stadium, si partirà dall’1-1.

Portentoso gol lampo, dopo pochi secondi, al debutto in Champions, del nostro predestinato Vlahovic e pareggio avversario su grave errore soprattutto da parte di un irritante Rabiot (il cui impiego, insieme all’esclusione di Zakaria, è una delle poche scelte di Allegri a parer mio discutibile, da tifoso che però non vede gli allenamenti e non sa quali siano certe dinamiche) .

E così è finita 1-1 e la qualificazione sarà tutta da giocare al ritorno partendo da un risultato di parità. Nel complesso, secondo me, abbiamo disputato una gara intelligente contro un avversario ostico. Peccato per quella superficialità del francese e per diversi promettenti contropiedi non concretizzati per mancanza di tempismo, qualità e precisione nell’ultimo passaggio o nella conclusione. Spero che McKennie, stasera uno dei migliori insieme al monumentale De Ligt ed al bomber DV7, non abbia subìto un infortunio pesante e penso già alla partita contro l’Empoli. Forza ragazzi. Fino alla fine.

Sempre più orgo9liosamente forza Leggendaria Juventus.

Scialbo pareggio.

Brutta partita e scialbo pareggio nel derby. Si allunga la striscia positiva ma ci saremmo naturalmente augurati di ottenere una vittoria che sarebbe stata molto importante. Peccato. Pur non giocando bene, secondo
me, senza l’emergenza difensiva che ci ha costretto a schierare come centrale Alex Sandro (impreciso in occasione del gol avversario), avremmo potuto conquistare comunque i tre punti. Pazienza.

In una serata di grigiore generale (che ha coinvolto anche un poco brillante Vlahovic ed un Dybala uscito per un verosimile affaticamento), ha disputato un’ottima gara, reggendo praticamente da solo il peso della difesa e segnando la nostra rete con uno stacco imperioso, il nostro grandioso De Ligt. Adesso archiviamo questo mezzo passo falso e, in attesa di ritornare alla vittoria in Campionato nel prossimo turno, pensiamo alla difficile sfida di andata di Champions contro il Villarreal. Forza ragazzi. Fino alla fine.

Sempre più orgo9liosamente forza Leggendaria Juventus.

Fino alla fine con Danilo.

Un gran colpo di testa dell’ottimo Danilo (uno di noi), quasi allo scadere, permette alla nostra Juve di agguantare a Bergamo un pareggio importantissimo in ottica quarto posto in una gara equilibrata e nella quale non avremmo assolutamente meritato quella beffarda sconfitta che stava maturando. In generale, questa sera, abbiamo giocato una buona partita con personalità, pressing alto e pregevoli fraseggi che ci hanno portato a sfiorare la rete in più occasioni.

Il nostro fortissimo DV7, oggi un po’ meno brillante ma sempre combattivo, generoso e pericoloso, è stato a tratti frenato da Demiral ma è riuscito a sfiorare il gol in alcune circostanze impegnando seriamente l’estremo difensore atalantino. Il nostro roccioso De Ligt, con due fantastici e determinanti salvataggi, ha impreziosito ulteriormente la sua maiuscola prestazione.

Una menzione particolare la merita anche De Sciglio che è stato autore di un’altra encomiabile prova e che è rimasto fortunatamente integro dopo aver subito un’entrataccia di uno dei soliti fabbri orobici da rosso. Detto ciò, dobbiamo cercare di essere più continui dei nostri avversari di questa sera nel corso delle partite mancanti per raggiungere, in Campionato, dopo una falsa partenza ed una serie di risultati utili che ci hanno riportati in corsa, il realistico obiettivo rappresentato dalla qualificazione in Champions (in attesa di ritornare a lottare, l’anno prossimo, per quello che storicamente ci appartiene). Fino alla fine.

Sempre più orgo9liosamente forza Leggendaria Juventus.

Dybala all’inizio, Vlahovic alla fine.

All’inizio una rete di Dybala con una delle sue perle ed alla fine (con deviazione di un difensore) gol decisivo e fortissimamente voluto da un ostinato, travolgente ed indomito Vlahovic (che non molla mai) su assist della stessa Joya.

In mezzo, una rete e qualche occasione per il Sassuolo, tanta lotta, alcune imprecisioni, moltissime occasioni da noi create, due legni colpiti (uno da McKennie ed uno da De Ligt), un buon impatto dei nuovi entrati Morata e Locatelli e numerose parate del portiere avversario in una gara insidiosa contro gli ostici neroverdi.

La vittoria è stata ampiamente meritata e ci proietta alla semifinale contro i beceri e frustrati violacei che avranno così la possibilità di ritrovare il nostro DV7 in questo doppio confronto. Adesso, testa a domenica sera ed all’Atalanta. Forza ragazzi. Fino alla fine.

Sempre più orgo9liosamente forza Leggendaria Juventus.

Un esordio niente male.

Vittoria importante nel segno dei due grandiosi nuovi acquisti Vlahovic e Zakaria, entrambi in rete al loro atteso debutto con la nostra gloriosa Maglia. DV7 (più volte pericoloso e bravo nel creare spazi ai compagni) ha siglato il primo gol con un preciso tocco sotto su assist di Dybala (autore di giocate di qualità e di una gara di sacrificio) mentre il gigante svizzero (prezioso nel recuperare e proteggere vari palloni e dare peso e fisicità al nostro centrocampo) è stato freddo davanti al portiere dopo essere stato perfettamente servito nella corsa da Morata (davvero generoso ed encomiabile nel combattere, giocare per la Squadra e fare capire quanto, in questo modo, il tridente possa essere sostenibile).

Ottime sono state anche le prestazioni di un attento ed impeccabile Danilo e del solito roccioso e monumentale Capitan Chiellini (ben coadiuvato dal bravissimo De Ligt). Ha disputato una buonissima partita ancora una volta, un De Sciglio sempre più in fiducia. Non mi sono dispiaciuti, inoltre, neanche Arthur e Rabiot. Insomma, nessuno ha demeritato e, nonostante vi siano ancora margini di crescita, i segnali sono positivi e lo spirito sembra quello giusto. Continuiamo a conquistare punti ed a dimostrare solidità e, con questi utilissimi innesti di grandissimo spessore, possiamo puntare ad entrare tra le prime quattro, recuperare terreno e concludere al meglio la stagione. Stiamo tornando. Fino alla fine.

Sempre più orgo9liosamente forza Leggendaria Juventus.