Tutti a casa ale’. Come da tradizione.

FB_IMG_1509216349844

Tutti a casa ale’ Tutti a casa ale’. Altra lezione di Calcio ai cinesi che escono umiliati e delusi da San Silo mentre i nostri Campioni fanno il torello. Che dire, c’è chi si esalta tragicomicamente all’ inizio per un ridicolo striscione da perdenti (degno dei cugini dell’Inda) in cui evidenzia le nostre finali europee perse (non potendo minimamente competere con noi nel torneo in cui ci affontiamo tutti e, alla distanza, vince il più forte) e c’è chi continua a godere da protagonista a fine gara. Peggio per loro. Questi sei nostri epici Scudetti consecutivi, evidentemente, li hanno ridotti davvero malissimo.

Oggi, ad esempio, ci sono bastate una gara più attenta in difesa ed alcune azioni spettacolari per bastonarli sonoramente. Che sassate, quelle del nostro “obeso” Pipita (di nuovo Uomo Squadra ed oggi decisivo come tantissime volte nella scorsa stagione ) scagliate al termine di manovre sontuose ammirate in HD. A proposito, i lossoneli ancora cercano Dybala che li ha ubriacati e saltati spesso come birilli con finte e dribbling sublimi. Anche Cuadrado ha fatto venire il mal di testa a tutti nascondendo il pallone agli avversari e facendoci godere. Spettacolare, continuando a parlare dei singoli, è stata la prova della rocciosa ed attenta coppia difensiva costituita da Chiellini e Rugani.

Dimenticavo, questa sera il “civile” portiere avversario ed il Var non hanno potuto annullare i nostri regolari gol (che sarebbero stati secondo me di più se avessimo trovato sulla nostra strada anche il montato e patetico “spostatore di equilibri”.

Per questa volta, comunque, va bene così. Buon Halloween a tutti dal vostro ineliminabile Incubo Bianconero (quello che vi distrugge e vi relega a decine di punti di distanza ogni anno). Fino alla fine.

Sempre più orgogliosamente forza Le6gendaria Juventus.

Luci ed ombre. Ma che magìe.

FB_IMG_1508966094950.jpg

I capolavori di Bernardeschi e Dybala valgono da soli il prezzo del biglietto. In generale comunque, abbiamo assistito ad una gara che ha presentato note positive e negative. Spettacolo davanti e disattenzioni dietro. Fase offensiva straripante e fase difensiva preoccupante. Siamo arrivati, così, a 31 gol fatti e 10 subiti.  È inutile dire che dobbiamo essere più concentrati e ritrovare al più presto la solidità che ci ha storicamente caratterizzato e che ci ha permesso tradizionalmente, anno dopo anno, di vincere.

Oggi mi è piaciuto tantissimo, in particolare, il veloce e devastante Douglas Costa, ancora una volta bravissimo nel mettere preziosi palloni in mezzo. Anche il Pipita ha disputato un’altra gara positiva giostrando su tutto il fronte offensivo e segnando (prima del 4-1 di Cuadrado) una pregevole rete di prepotenza e sfiorandone un’altra (annullata per un millimetrico fuorigioco). Sono contento per il rientro di Marchisio e sono convinto che potrà risultare molto importante. Adesso, testa a sabato. Forza ragazzi. Giochiamo da Juve con continuità. Fino alla fine.

Sempre più orgogliosamente forza Le6gendaria Juventus

Vittoria pesantissima. Contro tutto e tutti.

khedira.gol.juve.udinese.2018.1080x648.jpg

Più forti di tutto e tutti. In 10 contro 11, in una gara complicata da un arbitraggio aVARiato, in un campo pesante, abbiamo conquistato tre punti di platino. A parte gli errori commessi in occasione del primo gol avversario, Rugani e Khedira, oggi anche goleador, hanno sfoderato una positiva ed incoraggiante prestazione. Sami, addirittura, bravissimo negli inserimenti ed in crescita fisica, ha portato il pallone a casa con una strepitosa tripletta.

Per il resto, in generale, quando il gioco si è fatto duro, hanno fatto i duri tanti nostri grandi Campioni. Il nostro infinito Capitan Buffon, nonostante avrebbe potuto fare di più uscendo sul secondo gol dell’Udinese, in un momento difficile della partita, è stato determinante con alcuni portentosi interventi. Chiello è stato il solito fondamentale gladiatore. Pjanic ha giocato con classe tantissimi palloni permettendoci di dare vita a ripartenze importanti e di guadaguare tante punizioni.

Da standing ovation, poi, pur non entrando nel tabellino dei marcatori, è stato un monumentale Pipita che ha inseguito gli avversari, combattuto, pressato, colpito un palo, fatto da sponda con giocate deliziose e trascinato i compagni da vero Uomo Squadra.

Che dire, anzi Khe…dira, è stata una vittoria da Juve. Dobbiamo concedere meno in difesa ma lo spirito c’è. Forza ragazzi. Da Campioni per antonomasia. Più forti di tutto e tutti. Fino alla fine.

Sempre più orgogliosamente forza Le6gendaria Juventus

Sofferta ed importante.

FB_IMG_1508366338504.jpg

La zuccata di Marione Mandzukic su assist dell’appena entrato Douglas Costa, potenzialmente devastante ed effettivamente decisivo al primo pallone toccato, ci ha regalato, insieme al proverbiale magico calcio di punizione di Pjanic, tre punti preziosi.

Tre punti davvero pesanti ottenuti nel girone di Champions, contro uno scorbutico Sporting, in  un momento in cui, come capita spesso in questo periodo, non siamo in forma e non abbiamo trovato la quadratura del cerchio. Purtroppo, a differenza del passato, oltre a non avere una manovra offensiva fluida, concediamo troppe occasioni agli avversari. Solo Chiellini non sbaglia mai una gara. In attacco, questa sera, mi è piaciuto tantissimo il Pipita che, pur non segnando, ha fatto reparto da solo ed ha mostrato una condizione fisica e mentale migliore.

L’importante, comunque, in attesa di tornare a giocare da Juve, è non mollare e combattere su ogni pallone per vincere. Pian piano, torneranno a girare tutti in modo ottimale. Adesso, testa a domenica sera. Forza ragazzi. Fino alla fine.

Sempre più orgogliosamente forza Le6gendaria Juventus.

Quando…

FB_IMG_1508033401016

Quando sbagli tanti gol facili, colpisci due legni clamorosi, ti mancano alcuni giocatori importanti (come il fondamentale Pjanic), affronti un avversario in forma ed ostico e ti addormenti concedendogli in pochi minuti due occasioni che diventano due gol e fallisci un rigore allo scadere, naturalmente, purtroppo, anche se non dovrebbe accadere e non deve più succedere, puoi perdere.

Quando un Fuoriclasse che ti ha regalato magìe e gol pesanti in passato, in un momento no, sbaglia due penalty decisivi di seguito a fine gara, visto che hai memoria e riconoscenza, non puoi che continuare a sostenerlo ancora con più forza sapendo che si rialzerà e tornerà a farti godere.

Quando sei abituato a vincere quasi sempre e vieni da una serie impressionante di risultati utili allo Stadium, una sconfitta ti brucia moltissimo. Quando subisci tanti gol, o cambi registro o è difficile che conquisti di nuovo il Campionato.

Quando gli altri ti vedono sempre primeggiare e rosicano profondamente e reiteratamente da anni, settimana dopo settimana, è normale che un tuo tanto atteso passo falso dia loro un po’ di respiro e sollievo e li spinga a dare luogo a spropositate manifestazioni di giubilo.

Quando sei stato quattordicesimo a docici punti in dieci giornate e sai che la strada è ancora lunga, non puoi farti spaventare da un distacco ancora ridotto e rimontabile. Quando tifi per la Juve, come da tradizione, sai che la tua Squadra reagirà e non mollerà mai.

Quando pensi a quello che di epico hanno fatto i tuoi Campioni in questi sei fantastici anni ed a ciò che ancora possono fare, contro tutto e tutti, non puoi che ribadire comunque…fino alla fine…sempre più orgogliosamente forza Le6gendaria Juventus.

Le insidie sono Var(ie). La strada è lunga.

FB_IMG_1506948295767

In una gara caratterizzata positivamente dal primo gol di Berna e da una prodezza di un sempre più ritrovato Pipita e dall’ennesima ottima prestazione del prezioso stantuffo Matuidi, possiamo dire, in generale   di essere  stati  polli noi anche se, ancora una volta, ci sono state VAR(ie) interpretazioni discutibili.

La strada, comunque, è lunga. Forza ragazzi. Fino alla fine.

.Sempre più orgogliosamente forza Le6gendaria Juventus.