Lavori in corso.

Peccato. Speriamo di recuperare presto questi primi due punti persi rispetto ad alcune avversarie. Oggi, essendo ancora senza un forte regista e mancando di qualità a centrocampo, avrei personalmente fatto entrare prima o messo dall’inizio Rovella e Miretti che sembrano avere un altro piglio, un’altra fame e maggiore tecnica e forma rispetto ad alcuni compagni schierati.

Speriamo inoltre di poter acquistare presto due giocatori funzionali e di recuperare quanto prima il fondamentale Di Maria e gli altri illustri assenti. In ogni caso, la strada è lunga e potremo naturalmente ancora dire la nostra. Fino alla fine.

Sempre più orgo9liosamente forza Leggendaria Juventus.

Buona la prima.

Primi tre punti conquistati. Secco tre a zero contro il Sassuolo grazie ad una pesante e spettacolare rete del nostro sontuoso Fuoriclasse Di Magia (autore anche di un sublime assist e di alcune giocate stellari) e ad una incoraggiante ed autorevole doppietta del nostro grande bomber Vlahovic.

Abbiamo sofferto un po’ nel primo tempo e Perin è stato impegnato in alcuni pregevoli interventi ma, nel complesso, abbiamo vinto in scioltezza. Bene hanno fatto, a parer mio, tra gli altri, anche Bremer e Danilo e mi è piaciuto anche il piglio con cui sono entrati Kostic, Miretti e Rovella.

In attesa di crescere naturalmente in termini di condizione fisica e di intesa e di vedere completata la rosa con gli ultimi importanti innesti, va bene così. Adesso, testa alla prossima. Di partita in partita. Lottando  contro tutto e tutti  per provare a riportare al suo posto naturale, sulla sua e nostra gloriosa Maglia, a Casa, per la trentanovesima volta, lo Scudetto. Forza ragazzi. Fino alla fine.

Sempre più orgo9liosamente forza Leggendaria Juventus.

Un treno carico di assist.

Finalmente Filip Kostic è nostro. Il giocatore serbo ha aspettato a lungo la Juve, l’ha voluta fortemente ed ora potrà mettere davvero a nostra disposizione la sua corsa, la sua tecnica, il suo carattere, la sua grinta, la sua capacità di coprire tutta la fascia (soprattutto la sinistra), i suoi gol e soprattutto i suoi assist.

A proposito, a beneficiare dei suoi precisi cross, potrà essere, in particolare, il suo amico e connazionale Dusan Vlahovic (con ne ha già usufruito in Nazionale). Di Magia da una parte e (in attesa anche di Chiesa), Kostic dall’altra, senza dubbio (considerando anche le loro statistiche), potranno sfornare numerosi passaggi ai nostri attaccanti permettendoci di incrementare notevolmente le nostre potenzialità offensive.

Questo nuovo acquisto, inoltre, essendo in grado anche di coprire e rincorrere l’avversario e potrà esserci prezioso, grazie alla sua duttilità, in assetti tattici diversi. Si tratta, a parer mio, di un ottimo acquisto. Benvenuto, ragazzo. Sono certo che darai il tuo contribuito per farci scrivere nuove gloriose pagine di Storia. Fino alla fine.

Sempre più orgo9liosamente forza Leggendaria Juventus.

Si ricomincia.

Ogni anno, dopo circa due pesanti mesi di astinenza, è sempre bellissimo, in attesa delle palpitanti partite che contano, ricominciare comunque già a provare certe sensazioni rivedendo in azione l’amata Juve. Pur sapendo che si tratta di amichevoli estive che (oltre a portare soldi e visibilità, quando si giocano in certi posti) servono soprattutto a ritrovare confidenza con il pallone, allenarsi ed iniziare a trovare automatismi, affiatatamento ed intesa, è sempre una gioia ammirare i nostri calciatori in Campo con la nostra Maglia e, in particolare, gustarsi i primi palloni giocati dai nostri nuovi acquisti. E che acquisti.

Oggi, a proposito, tra i migliori campo, in modo significativo, si sono evidenziati soprattutto i nuovi che hanno confermato di essere in grado di farci compiere un importante salto di qualità rispetto alla passata stagione. In particolare, nel primo tempo, fino a quando è stato impiegato, ad illuminare sontuosamente la gara è stato, come previsto, proprio il nostro magico Fideo, già sempre nel vivo del gioco (da leader e punto di riferimento) ed autore di controlli, dribbling ed assist da Fuoriclasse assoluto.

Anche il nostro grandissimo Polpo, ovviamente, si è fatto ben notare scagliando un gran tiro da fuori, dando strappi alla manovra e mostrando con buona continuità la sua fisicità e la sua tecnica. Mi è molto piaciuto anche Fagioli (che ha ribadito di avere piedi buoni e voglia di stupire e che si è anche prodotto in una ruleta ed ha, in seguito, pure sfiorato un fantastico gol da centrocampo). Attento e grintoso, in difesa, è stato Gatti (che ha colpito anche un palo su un calcio d’angolo preciso di Di Maria nell’azione da cui è nato il gol di Da Graca con cui abbiamo concluso in vantaggio la prima frazione di gioco).

Nella ripresa, nella quale è stato cambiato tutto l’undici iniziale (in pratica sono rimasti a riposo solo i probabilmente affaticati Bonucci, Vlahovic e McKennie), si è visto in azione, tra gli altri, pure l’ultimo arrivato Bremer (che si è presentato facendo subito sentire la sua possanza ed i suoi tacchetti ad un avversario e dando sicurezza e che, dopo averlo già fatto scegliendoci, ci farà tantissimo godere nel corso dell’anno). La partita, per la cronaca, è terminata con il risultato di 2-0 per noi con grazie al raddoppio segnato dal giovane Compagnon. Per questa prima uscita, va bene così, in attesa di qualche altro possibile rinforzo e di una crescita collettiva che sicuramente ci sarà nel tempo. Forza ragazzi. Fino alla fine.

Sempre più orgo9liosamente forza Leggendaria Juventus.

Arrivabenissimo così.

Maurizio Arrivabene mi sta gasando sempre più. Ha preteso, anche in alcune interviste, rispetto per la Juve. Sta tagliando il monte ingaggi. Ha messo di fronte alle proprie responsabilità e spinto alla porta chi amava più il proprio procuratore rispetto alla nostra Squadra. Ha perculato e percula i vari giornalisti antijuventini (compresi quelli delle redazioni in cui si fa fatica a nominare l’incubo Bianconero) escludendo “colpi di teatro” per poi, con il bravissimo Cherubini, fare parlare i fatti con intelligenti, mirati ed importanti colpi.

Bada al sodo e, insieme al resto della Società (presieduta da Andrea Agnelli, con cui è ovviamente in ottimi rapporti da una vita) ed al Mister Allegri, con idee chiare e decisionismo, sta ben lavorando per riportarci al nostro posto tradizionale. A vincere. Antipatici e contro tutto e tutti. Con fierezza. Da Campioni per antonomasia. Fino alla fine.

Sempre più orgo9liosamente forza Leggendaria Juventus.

Un nuovo Gigante.

Gleison Bremer è ufficialmente un giocatore della Juventus.

Altro grandissimo colpo della nostra ottima Società. Il mostruoso difensore brasiliano che in queste stagioni (soprattutto nella scorsa) ha giganteggiato annullando, in modo disarmante, ogni attaccante avversario, facendo praticamente reparto da solo, segnando anche alcuni gol nelle sortite offensive e mostrando impressionante strapotere fisico, evidente grinta, imperioso stacco di testa,  apprezzabile senso dell’anticipo, esaltante attitudine a vincere contrasti e prodursi in tackle e chiusure, importante precisione, sicurezza ed autorevolezza, è nostro.

Proprio così. Nostro e non della merdiaticamente esaltata Inda che, dopo Dybala (non acquistato nonostante la “schiacciante potenza di Suning”, i ridicoli titoloni quotidiani della gazzetta dello sporc, le magliettine modificate esposte in circensi bancarelle, i demenziali tweet del becero senza cervello che piangeva il 5 maggio e tante altre buffonate del genere), non è riuscita a far suo quest’altro giocatore che era convinta di avere  in pugno da tantissimo tempo.

Nostro, nonostante  molti demenziali  personaggini (anche in vergognose trasmissioni in cui non riescono a nominare l’incubo Juve) dicessero altro da mesi. Nostro, nonostante la sicumera della dirigenza e dei loro portavoce intertristi. Nostro, nonostante anche in questi ultimi giorni, di fronte al nostro perentorio sorpasso, questi impuniti pezzenti pensassero di sopravvalutare un giovane senza presenze in serie A per “pagare” in modo fantasioso, nello stile di chi è abituato a chiedere  disperatamente regali e favori.

E così, quanti altri fegati spappolati in giro. Quanta altra frustrazione da parte dei soliti tragicomici rosiconi. E che soddisfazione per noi. Da domenica sera, dal momento della notizia del nostro inserimento, si balla (il liscio di Casadei) ed ora, dopo l’ufficialità, siamo pronti a godere sul campo (cosa che conta).

Sono certo che  Bremer, dopo essere passato dalle stalle alle Stelle (e non ai cartoni) sarà contentissimo di raccogliere la pesante e prestigiosa eredità dell’immenso Chiellini e di  lottare con noi per vincere e  contribuire a  farci scrivere altre belle  pagine di vera Storia del Calcio. Fino alla fine.

Sempre più orgo9liosamente forza Leggendaria Juventus.

Il Polpo è tornato al suo posto.

Adesso è ufficiale. Il nostro grandissimo Paul Pogba è tornato al suo posto.

Sarà bellissimo rivederlo con noi ed io lo riaccolgo idealmente pubblicando questa foto risalente a dieci anni fa, ad una delle quattro splendide stagioni vissute da lui alla Juve, quando, da giovanissimo, era da poco appena arrivato da noi, sempre a parametro zero e sempre dal Manchester.

In Bianconero, in quel fantastico periodo, a suon di giocate e gol stellari con la nostra prestigiosa Maglia, è cresciuto e si è affermato prima di decidere di scegliere i soldi che gli ha offerto la sua ex formazione. Adesso, dopo questi sei anni, capendo quale sia in realtà la sua Casa (altro che vacanza), ha compiuto una scelta di cuore tornando sui suoi passi e riabbracciando la sua e nostra gloriosa Vecchia Signora per provare ad esprimersi di nuovo al meglio e fare la differenza.

Spero che la sua indiscutibile classe non si possa essere di nuovo accompagnata da impegno, fame e voglia di lottare per riportare la Juve al vertice, dove storicamente ama stare. Bentornato, nostro grandissimo Polpo. Scriviamo ancora la Storia insieme. Fino alla fine.

Sempre più orgo9liosamente forza Leggendaria Juventus.

El Fideo è nostro.

Di Maria (o Di Magia), Fuoriclasse stellare, è ufficialmente un giocatore della Juventus.

El Fideo, estremamente fiero di indossare la nostra gloriosa Maglia e contento di avere il privilegio di entrare a far parte della nostra prestigiosa Storia, con la sua sublime classe, i suoi pregevoli assist, i suoi bellissimi gol, i suoi irresistibili dribbling, la sua disarmante efficacia, la sua naturale padronanza tecnica, la sua consueta professionalità e la sua notevole esperienza, anche in una sola stagione, potrà sensibilmente dare un preziosissimo apporto alla nostra Squadra in termini di ulteriore qualità e personalità contribuendo a farla crescere sotto tutti i punti di vista ed aiutandola a puntare di nuovo alla vittoria. Come da tradizione. Fino alla fine.

Sempre più orgo9liosamente forza Leggendaria Juventus.

+39. Per sempre con noi

Rocco Acerra (28 anni)
Bruno Balli (50)
Alfons Bos (35)
Giancarlo Bruschera (35)
Andrea Casula (11)
Giovanni Casula (44)
Nino Cerullo (24)
Willy Chielens (41)
Giuseppina Conti (17)
Dirk Daeneckx (38)
Dionisio Fabbro (51)
Jaques François (45)
Eugenio Gagliano (35)
Francesco Galli (25)
Giancarlo Gonelli (20)
Alberto Guarini (21)
Giovacchino Landini (50)
Roberto Lorentini (31)
Barbara Lusci (58)
Franco Martelli (22)
Loris Messore (28)
Gianni Mastroiaco (20)
Sergio Mazzino (38)
Luciano Rocco Papaluca (38)
Luigi Pidone (31)
Benito Pistolato (50)
Patrick Radcliffe (38)
Domenico Ragazzi (44)
Antonio Ragnanese (29)
Claude Robert (30)
Mario Ronchi (43)
Domenico Russo (28)
Tarcisio Salvi (49)
Gianfranco Sarto (47)
Amedeo Giuseppe Spolaore (55)
Mario Spanu (41)
Tarcisio Venturin (23)
Jean Michel Walla (32)
Claudio Zavaroni (28)

+39. 37 anni dopo, sono sempre vivi noi nostri cuori. I nostri Angeli saranno per sempre ricordati da tutti noi. Saranno sempre con noi. Erano tifosi come noi (gruppetti di amici, padri e figli, ragazzi e ragazze, bambini) ognuno con la propria vita, i propri impegni, le proprie aspirazioni, i propri affetti. Erano Juventini (tranne qualcuno) che, con amore, sacrificio, gioia, emozione e voglia di vivere una bellissima serata di sport e vedere dal vivo la loro e nostra grande e gloriosa Vecchia Signora alzare meritatamente quella Coppa, hanno acquistato i biglietti, aspettato il giorno dell’evento, affrontato il viaggio e preso posto in quella Curva Z scelleratamente e criminosamente riservata a loro (non ultras ma componenti di famiglie e di comitive di appassionati) in un settore vicino a quello degli hooligans inglesi, senza protezioni e presenza di forze dell’ordine adeguate, in uno stadio fatiscente nel quale si è poco dopo consumata una tragedia assurda, una strage annunciata.

Noi della Juve siamo le vittime di quell’atroce serata. La partita è stata fatta giocare per motivi di ordine pubblico e, in novanta minuti nei quali anche gli avversari hanno provato a vincere, abbiamo conquistato la Coppa. Già, i nostri giocatori sono stati costretti a scendere in campo e, in quei momenti, dopo aver lottato su ogni pallone con i rudi e forti avversari del Liverpool, hanno esultato perché probabilmente non pienamente consapevoli (come i tantissimi altri tifosi presenti) di quanto accaduto e perché pervasi dall’adrenalina in corpo per l’importantissima gara che stavano disputando e che aspettavano e preparavano da tempo. Giudicarli senza capire ciò è superficiale, stupido ed ipocrita.

È normale che poi, dopo aver compreso del tutto, a freddo, il dramma avvenuto, non possano più aver goduto per quella vittoria e non possano mai (come tutti noi) ricordarla con piacere. Detto ciò, però, anche se vi furono alcuni episodi arbitrali a nostro vantaggio (rigore fuori area) ed a nostro svantaggio (mancate ammonizioni agli avversari e fuorigioco erroneamente visti o non visti), fu purtroppo partita vera ed io immagino già che, se avessimo perso, tutti i frustrati e beceri antijuventini che continuano a parlare vergognosamente di “Coppa insanguinata”, riferendosi indegnamente al sangue dei nostri fratelli, avrebbero festeggiato (come hanno fatto, del resto, dopo quello che è successo a Piazza San Carlo nel 2017).

Non permetteremo mai a nessuno di offendere la memoria dei nostri Angeli e di utilizzare quello che è successo in modo viscido e squallido. Io, ricordandoli con immenso affetto, ringraziando le Associazioni ed i Comitati che ne onorano ammirevolmente la memoria e rispettando profondamente il dolore dei familiari, ho sempre pensato che quella Coppa che tanto avevano sognato e per la quale sono andati in Belgio, è soprattutto loro. In tal senso, mi hanno sempre colpito le commoventi parole dell’ammirevole madre di Giuseppina Conti (ragazza e tifosa di 17 anni deceduta all’Heysel, in quella drammatica serata, davanti agli occhi di un affranto padre che era andato con lei lì e che purtroppo non è riuscito a salvarla). Ebbene, questa grande donna, che ha continuato a tifare per la Juve in onore della figlia (che ha, da poco, raggiunto Lassù), diceva sempre con forza che la Coppa dei Campioni del 1985 è intoccabile e sacra perché Giuseppina la desiderava tanto ed ha lasciato la vita terrena per essa.

Proprio così. Ed anche tutte le altre nostre vittorie sono dedicate anche e soprattutto ai nostri Angeli hanno sempre e comunque continuato a sostenere, da Lassù, la loro e nostra amata Juventus.

+39 per sempre.

Grazie di tutto, nostro immenso Capitan Chiello.

Grazie di tutto, nostro immenso Capitan Chiello, nostro indomito Giorgione, nostra autentica Bandiera, nostro stoico Simbolo dello spirito Juve, nostro duro Combattente, nostro serio Uomo di Sport d’altri tempi, nostro monumentale Baluardo sempre pronto a lottare su ogni pallone, trascinare i compagni, trasmettere loro sicurezza e carica, non fare passare niente e nessuno e contribuire fortemente a farci vincere e rivincere.

Oggi, emozionandoti ed emozionandoci, hai salutato, nella tua ultima partita da Calciatore qui, il tuo e nostro stupendo Stadium. È stato un peccato che tu l’abbia fatto in una rara stagione senza titoli ma, in fondo, avendone conquistati tantissimi, te lo puoi e ce lo possiamo permettere. Che carriera sontuosa, la tua. Quanti esaltanti duelli vinti, quanti decisivi interventi, quante imperiose chiusure, quanti adrenalinici scontri, quante eroiche battaglie calcistiche (in Italia ed in Europa, spesso anche con la testa spaccata ed il proverbiale turbante), quante coinvolgenti esultanze (in occasioni di gol, salvataggi o altri importanti momenti), quanti goduriosi trofei.

Con professionalità, intelligenza, concentrazione, grinta, carattere, dedizione e passione, in questi lunghi ed intensi 17 anni, da quel giorno in cui hai debuttato subentrando a Pavel, hai sempre dato tutto ed onorato la tua e nostra amata Maglia ed è stato bellissimo conquistare con te tantissimi epici ed indimenticabili successi.

Dopo aver vinto, nel 2006, da comprimario e giovane promessa, un incancellabile Scudetto (il primo dei tuoi dieci), poco prima che venissimo fermati sostanzialmente per eccesso di vittorie, sei stato tra i più grandi protagonisti nel conseguente Campionato cadetto affrontato e vinto con onore e fierezza e nel favoloso ritorno al nostro posto, al vertice, quando abbiamo ricominciato reiteratamente e portentosamente, contro tutto e tutti, a dominare di nuovo, anno dopo anno, a suon di mostruosi e memorabili record e tu hai meritatamente alzato orgasmici trofei su trofei conquistando, unico a farlo, in modo epico, nove Scudetti consecutivi.

Grazie di tutto, nostro vero Campionissimo Sei stato e sarai sempre uno di noi. Fino alla fine.

Sempre più orgo9liosamente forza Leggendaria Juventus.